Quando nasce un bambino, alcuni accessori fanno già parte del suo corredo da mesi, troneggiando nelle camerette ancora vuote in attesa di essere utilizzati.

Tra questi, quello più famoso e longevo è senza dubbio il ciuccio.

A lui i negozi di articoli per bambini, dedicano pareti intere, ne esistono di ogni colore e forma. Ci sono quelli griffati e quelli da cerimonia.

A lui sono dedicati albi illustrati e ogni bambola che si rispetti ne possiede uno.

Svariate sono le teorie sulle migliori modalità educative da mettere in campo per quando si deciderà di eliminarlo.

Ma la domanda è: “perché diavolo lo rifilate ai vostri bimbi?”.

Ora togliamo il caso dei bambini che per varie ragioni devono passare del tempo in incubatrice o devono trascorrere periodi distanti dalla madre per cui hanno necessità di un sostituto. Ma per tutti gli altri, che una mamma ce l’hanno, perché il ciuccio viene dato?

Se la risposta si avvicina a “perchè così non piange”, o “così si abitua a stare anche senza di me”, potreste essere di fronte ad un possibile pericolo ed ora proverò a spiegarvi il motivo.

Il pianto di un bambino è sempre una comunicazione, piangendo ci indica che ha fame, ha sonno, ha freddo, ha bisogno di attenzioni, sta scomodo, vorrebbe un doppio latte con ghiaccio o le urla che sente attorno lo stanno stressando.

Ogni qual volta ad una sua manifestazione comunicativa viene ficcato un ciuccio in bocca, l’episodio equivale a mettere sempre una penna in bocca ad un alunno che alza la mano.

Ossia: “non importa quale sia il tuo bisogno, non occorre ascoltarlo, tanto la risposta è sempre la stessa e non sarà quella che tu ti aspetti, tanto vale abituarti subito cocco mio”.

Ovvio, questa frase non è il pensiero cosciente di un genitore che utilizza il ciuccio, ma è esattamente ciò che arriva ad un bambino.
Il meccanismo che ne consegue è quello tipico del comportamentismo, esempio emblematico ne è l’esperimento di Pavlov e del cane a cui ogni volta veniva dato del cibo l’evento veniva accompagnato dal suono di una campanella, dopo un po’ bastava suonarla per far sbavare il cane.
Al bambino capita la stessa cosa, l’associazione che il bambino compie è che ogni qual volta percepisce un bisogno, oppure ha una comunicazione o vive una frustrazione, questa verrà dissipata dal ciuccio. Strumento per eccellenza di gestione emotiva.

Ma cari lettori, se in educazione vige una regola, questa è: ogni qual volta ti sembra di aver trovato una scorciatoia, preparati perchè potrebbe tornarti indietro come un boomerang e metterti di fronte a sfide ben più ardue successivamente.

EFFETTO BOOMERANG 1: I bambini nei primi due anni di vita in particolar modo, durante la fase di costruzione affettiva con le figure di riferimento (attaccamento che condizionerà tutte le loro relazioni future) hanno necessità di ricevere costantemente risposte efficaci alle loro richieste in modo da edificare una visione del mondo di stabilità emotiva. In poche parole, il bambino costruisce un’idea di mondo, e di se stesso in relazione a questo, sulla base delle risposte alle sue domande. Io piango+ il mondo risponde= attaccamento sicuro, divento consapevole delle mie emozioni, mi fido degli altri, ho una base affettiva stabile. Al contrario: io piango+il mondo non risponde (o mi ficca un ciuccio in bocca)= attaccamento insicuro, non riesco a comprendere cosa mi sta accadendo interiormente, non sono certo di potermi fidare di chi ho attorno, il mondo non è un luogo sicuro a cui poter affidare le mie emozioni.

Il problema maggiore è che il bambino impara a conoscersi sulla base dello specchio che il mondo gli offre.
Se piango perchè ho bisogno di contatto e qualcuno mi prende dicendomi “avevi bisogno di un abbraccio piccolo?”, io inizio ad associare un nome a ciò che mi accade dentro. Se invece piango e mi viene dato un ciuccio come unica soluzione è come se lo specchio fosse stato oscurato lasciandomi in balia delle mie emozioni incapace di comprenderle.

EFFETTO BOOMERANG 2: direttamente collegato al discorso dello specchio, si collega il secondo effetto nocivo del ciuccio. La mancata associazione verbale alle emozioni e bisogni avvertiti conduce ad una fragilità psichica e ad una incapacità di far fronte alla gestione efficace delle proprie emozioni.
Ossia, quando ho delle forti emozioni che mi scuotono potrei cercare compensazione all’esterno e non comprensione dentro di me, esattamente come mi è stato diligentemente insegnato, a livello inconscio e profondo, attraverso il ciuccio. Potrei utilizzare lo shopping, il fumo, il lamento, il cibo, il silenzio, come strategie di gestione emotiva, perchè sono quelle che più si avvicinano al modello trasmessomi: ogni volta che hai un problema od una tensione emotiva cerca all’esterno qualcosa che ti distragga e ti faccia scaricare la tensione. Ovviamente questo sistema è fallimentare perchè allontana il bambino e quindi l’adulto, dalla consapevolezza del proprio mondo interiore, dai propri processi psichici e dalla competenza emotiva, che consiste anzitutto nel riconoscere cosa sta accadendo interiormente.

Arrivati fino a qui, siete ancora sicuri di voler adottare il ciuccio? Che poi lo sapete, si perde di continuo, vi tocca ciucciarlo nell’illusione di sterilizzarlo ad ogni caduta, i bambini lo rifiutano quando sono piccoli e occorre cacciarglielo letteralmente in bocca e poi per toglierglielo dovete arrampicarvi sugli specchi con storie strampalate e convincimenti vari.

E per tornare alle domanda e risposte iniziali da cui tutti ha avuto inizio (Perchè gli avete dato il ciuccio? “perchè così non piange”/ “così si abitua a stare anche senza di me”), vi svelo un trucco..
Il miglior modo per assicurarvi che il bambino sarà in grado di stare anche senza voi serenamente e non piangere costantemente, il miglior modo per trasmettergli fiducia in se stesso e nel mondo, è solo uno ed anche molto semplice: l’ascolto!
L’ascolto è ciò che eleva un bambino, ciò che lo fa crescere, ciò che gli permette di acquisire consapevolezza, fiducia in se stesso e percepirvi come una base sicura.
Ascoltateli i loro pianti, non metteteli a tacere, accoglieteli come fossero dei canti, accompagnateli verso una profonda comprensione di cosa nascondono, verso il meraviglioso cammino di traduzione emotiva.

Ascoltateli e ascolterete voi stessi.

Illustration: Marie Bretin

I contenuti presenti sul blog “Hundreds of Buddhas” sono di proprietà di Emily Mignanelli.
È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2009 – 2019  “Hundreds of Buddhas”. Tutti i diritti riservati.

Annunci

One thought

Rispondi