Ci sono pericoli che si annidano nell’ordinarietà, laddove tutto sembra normale, a volte quasi necessario.
“bravo”, “bravissimo”, “sei il numero uno”, sono parole, frasi semplici. Sembrano totalmente innocue, sono cordiali, affabili.
Eppure nascondono una minaccia.
Il bambino dal momento in cui nasce, sa perfettamente che la sua sopravvivenza dipenderà da quegli esseri grandi che ha accanto, che chiamerà mamma e papà, appena i suoi strumenti glielo permetteranno, poi verrano tutti gli altri, zii, nonni, maestri, ecc..
Ogni bambino che nasce sa perfettamente che la principale lotta per la sopravvivenza va combattuta nel campo dell’amore.
Per sopravvivere bisogna essere amati, per essere amati bisogna creare un legame di attaccamento duraturo con la persona amata.
Per farlo il bambino è disposto a tutto.
Da quando nasce il neonato modifica le proprie azioni e comportamenti sulla base delle risposte che l’ambiente gli rimanda.
Quando faccio qualcosa bene, mi vien detto bravo.
Quando mi vien detto bravo gli adulti che ho accanto sono felici.
Quando gli adulti che ho a fianco sono felici tengo stretta la mia vita.
Uguale: gratificare gli adulti produce sopravvivenza, l’amore si guadagna con le prestazioni, se sono bravo sono amato.
E quando gli viene detto bravo?
Solitamente i casi sono:
– rinforzare un comportamento che riteniamo socialmente accettabile (“bravo che ti sei soffiato il naso invece di leccarti il muccio colante!”);
– incoraggiare progressi (“bravo che hai iniziato a leggere”);
– gongolare come genitori (“bravo che alla riunione di condominio sei stato sempre zitto, seduto”, TRADUZIONE “ grazie che noi sei stato petulante e che mi hai fatto fare una splendida figura da BRAVO genitore davanti agli altri”);
– sottolineare positivamente episodi che speriamo che si ripetano in futuro (“bravo che hai mangiato tutti i broccoli”).
Il problema reale e grave di questa parola (e di tutti i sinonimi) è che salta il passaggio dell’azione, ovvero, per rinforzare, sottolineare evidenziare un comportamento o un atto esprime un giudizio sulla persona e innesca il pericoloso e micidiale meccanismo di confusione tra fare ed essere.
Tra essere se stessi ed essere ciò che gli altri vogliono.
Tra fare qualcosa per una motivazione intrinseca ed una estrinseca.
E per favore, non uscite con la storia del “ci siamo cresciuti tutti”, anzi questa dovrebbe l’ennesima prova che qualcosa è andato storto.
Sarà un’impressione tutta mia, ma credo che gli adulti di oggi vivano nella psicosi del giudizio, si autoboicottino per il timore di fallire, cerchino amore laddove stanno solo cercando riconoscimento, confondono se stessi con il proprio lavoro, i propri insuccessi con la propria identità.
Riempire il bambino di lodi, di bravi, di giudizi entusiasti, costruirgli un’immagine di sé elevatissima, ineccepibile è la miglior via per renderlo un adulto fragile, insicuro, spaventato, nevrotico, con un senso di inferiorità costante verso quello standard costruitogli.
La paura di non essere più bravo sarà direttamente collegata alla paura di non essere amato e quindi di non sopravvivere.
Provate a farvi un giro sul libro “il dramma del bambino dotato e la ricerca del vero sé”, due pagine al giorno non di più. Alice Miller spiega nei dettagli quali possono essere le conseguenze dell’esser stato dei bravi bambini, ovvero dei bambini estremamente sensibili che sono accorsi in soccorso delle fragilità dei genitori. Sacrificandosi sull’altare dell’amore hanno smarrito se stessi.
Contateli i bravi che dite ogni giorno ai vostri figli, poi contate i bravi che ricercate per voi.
E ora che fare?
Semplice, iniziate a cambiare!! Esercizi per casa: ogni volta che state per dire un bravo pensate per cosa lo state dicendo e verbalizzate il processo mentale completo che avete fatto. Alcuni esempi:
– Giulia vi porta a far vedere un disegno, invece di lodarla provate a dire “Sembra che tu ti sia divertita moltissimo, è così?”
– Se il bravo vi sta uscendo per un nuovo progresso del bambino provate a nominarlo e esprimere la vostra vicinanza, es: Luca ha appena fatto una capriola dopo tanto che ci provava, potete dirle “Che bello che sei riuscito a fare una capriola dopo così tanto esercizio devi essere orgoglioso di te stesso!”;
– la mattina quando lo portate a scuola, invece di dirgli “fai il bravo oggi”, provate a dire “spero che tu trascorra una splendida giornata. Sii te stesso.
Mi raccomando non confondete il riconoscimento e il bisogno di esser visti con la gratificazione dell’adulto.
E’ molto semplice condurre un bambino dove vogliamo noi, è difficilissimo riportare un adulto smarrito da dove tutto era partito.
Quando era pura vita, desiderosa di esserci.

Annunci

23 thoughts

  1. Splendida spiegazione! Come formatrice Gordon, questo argomento è sempre tematizzato nei corsi genitori efficaci… ma quanta fatica… quel bravo è ormai nel nostro dna….

    Piace a 1 persona

  2. Bellissimo articolo! Ci sono tante cose da rivedere nel modello educativo.ma questo modello che sugrrisci dovrebbe attraversare genitori ma anche gli insegnanti (un’altra immagine cardine dei bambini)! Si parte dai genitori, ma è necessaria una continuità anche con le altre figure che ruotano attorno ai bambini. Uun briciolo in piú di consapevolezza, quella volontà di mettersi in discussione, quel piccolo sforzo nel fare quel passo in più…e saremmo di fronte a individui sani.

    Mi piace

  3. Questo scritto trasuda ignoranza e incapacità logica da tutti i pori. Fra l’altro ignoranza, nella migliore delle ipotesi, collusione con i “poteri forti” nella peggiore delle ipotesi. Mi spiego meglio:

    il giudizio genitoriale nei confronti della prole ha una valenza estremamente alta, sia nei riguardi del processo formativo conscio che in quello inconscio-sub-conscio. Qualunque adulto sa che “volere è potere” e per volere devi credere in te stesso. Non è tanto importante, quindi, quello che tu sei davvero, quanto quello che “credi fermamente di essere”. E’ un pò la storia del talento e della passione, quando essi non coincidono nella stessa persona. Il successo arriverà certamente per una persona in assenza di talento ma con una fortissima passione e un forte credo in se stessa ma non è detto che arrivi in una persona di talento ma che non ha passione, non si impegna e non crede in se stessa. L’autostima è quindi un parametro indispensabile nel consolidamento della personalità dell’individuo.

    Detto questo, bisogna dire che negli ultimi dieci, venti anni in Italia, la politica ( sulla scia di protocolli anglo-americani a dir poco pericolosi ) ha tentato in tutti i modi ( consapevolmente ma più spesso inconsapevolmente) di distruggere l’autostima dei bambini e dei ragazzi italiani ( ricordiamo tutti gli appellativi pronunciati da molti dei nostri politici: bamboccioni, choosy, incapaci, semi-analfabeti, fannulloni etc. ), propugnando in maniera spesso indiretta ( con esempi mediatici sbagliati ) l’adozione di comportamenti deleteri per la personalità come l’uso di alcool, droghe etc.

    L’alienazione data dai social network, la cagionevole salute dei ragazzi di oggi (allergie, intolleranze, psicosi diffusissime ), bullismo diffuso, droghe, alcool, associate a questi pseudo-protocolli che pretendono di togliere anche l’ultimo baluardo al consolidamento dell’autostima dei nostri ragazzi, ovvero l’elogio del padre e della madre nei confronti della prole e quindi il “BRAVO” al figlio, hanno un solo scopo vero:” Creare adulti fragili, privi di autostima e quindi incapaci di opporsi alle ingiustizie e in definitiva schiavi facilmente manipolabili).

    Piace a 2 people

    1. Io sono una figlia cresciuta a “brava” e “bravissima”, e sono un caso esemplare di bambina afflitta dal dramma della perdita di sé a beneficio dei genitori, come ben spiegato nel libro di Alice Miller, che ho letto a 20 anni, nel pieno guado della mia storia di anoressia, bulimia e depressione.

      Mi piace

  4. Non sono per niente d’accordo. Io vedo invece molti adulti fragili cercare gratificazioni ed elogi proprio perché la loro autostima è stata distrutta dai genitori, avari di “bravo” e generosi di “hai fatto metà del tuo dovere”. Vedo invece molti adulti cresciuti nel mito di se stessi grazie anche a genitori che hanno insegnato loro che mai, mai avrebbero dovuto ritenersi inferiori a chicchessia. Formare un bambino con una grossa autostima è un regalo per il suo futuro. Io, almeno, lo avrei davvero apprezzato.

    Mi piace

    1. A me sembra che stiamo parlando della stessa cosa. Una riflessione sulla questione della costruzione dell’autostima e della propria identità sulla base del giudizio degli altri, sia che questo sia positivo (bravo) che negativo (hai fatto metà del tuo dovere). Da quello che scrivi sento molto rancore e rabbia verso i tuoi genitori, non conosco la tua situazione e dallo pseudonimo che hai inserito non mi sembra di percepire che tu sia alla ricerca di un confronto aperto in questo contesto. Sento la tua fragilità e mi spiace. Immagino che tu ora sia adulta e come tale puoi scegliere di essere ciò che vuoi, liberandoti dall’educazione che ti è stata impartita. Dalla consapevolezza nasce il cambiamento, il punto è metterci la propria volontà…tanti auguri, di cuore.

      Mi piace

    2. Il senso dell’articolo è di mettere al centro della gratificazione il bambino, e non, indirettamente, l’adulto.
      E’ facile che un semplice “bravo” sia interpretato dal bambino come: “sto facendo felice la mamma/il papà. Costi quel che costi, non dovrò mai deluderli.” L’accortezza sta nel far passare al bambino il concetto che, quando fa qualcosa di buono o si comporta secondo le regole, il principale avvantaggiato è lui stesso, perché si è impegnato ed ha imparato una cosa che prima non sapeva o non sapeva fare, perché si è divertito realizzando qualcosa di creativo, perché ha fatto un progresso di crescita. Non è da bandire il “bravo”, ma andrebbe accompagnato da “sono felice per te, per questa ragione”. In questo modo il bambino imparerà a concentrarsi sulle proprie emozioni, sui suoi bisogni, sui suoi traguardi e sui suoi limiti, e a costruire un’autostima solida e indipendente dal compiacimento degli altri.

      Mi piace

  5. Anch’io non sono d’accordo. Ho ricevuto poche volte il Brava! E mi manca. Stavo facendo lo stesso errore con mio figlio di tre anni. Ho già riparato. Glielo dico cento volte al giorno!
    È importante far capire come ciò si deve comportare tutti e gratificare certo non solo dicendo bravo come negli esempi che hai fatto. Se mio figlio impara a togliersi le scarpe e metterle a posto a due anni e mezzo, sono felice e lui comprendo che lo faccia per rendere felice me o per imitarmi. Quindi posso dirgli grazie ma anche bravissimo la prima volta che lo fa. Certo non glielo continuo a dire da sei mesi!

    Mi piace

    1. Partire unicamente dalle proprie storie può esser pericoloso, cercando di mettere in atto ciò che a noi è mancato il rischio è di perdere di vista ciò che serve a nostro figlio. Bravo è una parola, non un tabù. Sospenderla permette di comprendere il processo per cui la usavamo per prenderne consapevolezza e poterla usare con moderazione e senso. Sono felice che tu abbia trovato il giusto equilibrio, grazie per la tua testimonianza.

      Piace a 2 people

  6. Sono molto d’accordo con quanto hai scritto in questo articolo, Emily.
    Io mi occupo di relazione tra umani e cani, e la questione del “bravo” da te descritta è la stessa che cerco di far capire agli umani.

    Mi piace

  7. Mi permetto di intervenire perché è un argomento al quale tengo molto. Emily ha descritto molto bene quale può essere “l’effetto collaterale” dei troppi bravo e bravissimo. Sopratutto che è un giudizio del bambino in quanto persona, non tanto di quello che ha fatto. E se è bravo quando fa bene, che cos’è quando “fa male” o non fa ciò che vorremmo noi? Emily offre anche l’alternativa alla parola bravo. E questo è importante recepirlo. Lei non dice di non dare conferme e gratificazioni ai bambini. Ma darne in modo diverso. Vorrei aggiungere un esempio riprendendo quello di Valentina: al bambino che riesce a togliere le scarpe da solo, o mettersele, invece di dire bravo, posso anche dire, “mi fa piacere vedere che riesci a togliere le scarpe da solo”. Oppure: “Wow! Ci sei riuscito da solo!” Vedete dunque che anche così si sostiene lo sforzo, l’impegno del bimbo.
    Ma quello che vorrei dire alle persone che pensano che i loro genitori avrebbero dovuto dire loro più spesso “bravo”, è che più che l’assenza del bravo, sono la critica costante, il giudizio, la squalifica che minano l’autostima dei bambini e di conseguenza degli adulti. Quella sensazione di non bastare mai, di non fare mai abbastanza, che manca sempre qualcosa. Ecco che questo ti dà per tutta la vita la sensazione di non essere all’altezza, di non andare bene così come sei…. L’accettazione incondizionata è quello che i genitori dovrebbero trasmettere ai propri figli. E badate bene, questo non vuol dire accettare qualsiasi comportamento, bensì accettare il proprio figlio come persona, come essere umano, con le sue caratteristiche, le sue emozioni e i suoi bisogni.
    L’autostima è molto legata al FARE, il valore di sé è legata all’ESSERE.

    Mi piace

  8. Ho letto con interesse ed è un punto di vista poco diffuso e a volte certamente sottovalutato.
    Trovo ci sia del vero nel pericolo prodotto dalle lodi eccessive. Ho osservato come spesso, anche a scuola, i bambini più piccoli vengano gratificati con elogi sproporzionati ai risultati raggiunti con l’intento di incoraggiarli e con il risultato di farli cadere in ansia e talvolta disperazione quando, più grandicelli, iniziano a ricevere valutazioni più rigorose che distruggono inevitabilmente l’elevata opinione di se stessi ormai raggiunta.
    Se tale comportamento viene portato in atto dai genitori, l’effetto può essere amplificato proprio per i meccanismi descritti, tuttavia dissento in parte.
    E’ inevitabile e giusto produrre delle frustrazioni e persino delle inibizioni nei bambini che si stanno educando.
    Senza frustrazioni e senza l’inibizione di comportamenti scorretti o pericolosi, la vita sociale è impossibile. L’effetto si può ottenere fondamentalmente in due modi: o con l’esaltazione del comportamento positivo o con la critica di quello negativo, il tutto sovrapposto alle spiegazioni delle motivazioni.
    Posto che sfido chiunque a non trovarsi mai a dover affossare comportamenti dannosi o sgradevoli anche in modo categorico, credo sia preferibile e più efficace educare attraverso l’esaltazione del giusto, che non può essere un semplice “bene ti sei divertito”, perché spesso ci sono necessità o obblighi che non sono per niente divertenti, ma da cui non si può scappare.
    Se devo insegnare ad un piccolo a riordinare i suoi giocattoli, cerco indubbiamente di fargli capire che avere i giochi in ordine è un vantaggio anche per lui e magari glielo ripeterò se necessario, ma nel momento in cui finalmente lo farà in autonomia, mi troverò indubbiamente a lodarlo. E se anche per il bambino non fosse un vantaggio, ma avesse semplicemente assolto ad una consegna, dirò ugualmente bravo per aver obbedito, perché desidero che l’obbedienza sia un comportamento costante e non funzionale all’obiettivo.
    Non vorrò un animaletto ammaestrato, ma vorrò comunque avere un figlio capace di obbedire, che di fronte ad un ordine perentorio (ad esempio un: “fermati!” di fronte ad una strada trafficata) esegua senza discuterne in comitato.
    Si parla spesso di dare le giuste regole ai figli, cosa che ritengo fondamentale per una futura vita sociale vincente e per la loro serenità, e queste passano attraverso i “bravo ti sei comportato bene”, i “no, così non si fa” il tutto immerso nell’amore per ciò che sono. Se i bambini piccoli fanno confusione ed è normale che lo facciano, verrà loro spiegata la differenza a parole e coi fatti, ma credo che mettere le gratificazioni al bando sia pericoloso quanto darne troppe o darne per le ragioni sbagliate.

    Piace a 1 persona

    1. Elisiana il tuo discorso potrebbe anche essere giusto ma bisogna anche capire a monte che ci sono umani più portati a fare delle cose e altre no e non a tutte le età. La sopportazione della frustrazione e dei “no” non si crea facendo vivere momenti pesantemente negativi, anche qui è una questione di età.
      Bisogna capire che la nostra società è piena di regole perchè viviamo in modo altamente innaturale: più regole dobbiamo creare, più viviamo lontani dalla nostra animalità.
      L’impatto sull’avere un bambino che ad un nostro “fermati!” si ferma può essere troppo forte, non è a questo che bisogna puntare secondo me, anche perché esiste sempre il tenerlo per mano. Poi bisogna vedere perchè potrebbe correre verso una strata trafficata cioè se magari ha dentro di se una energia da scaricare perchè la sua vita non è appagante ma anzi molto stressante in casa.
      I bambini sono assoggettati a troppe regole fin da piccoli, è normale che poi da adulti scoppino.

      Mi piace

  9. “..spiega nei dettagli quali possono essere le conseguenze dell’esser stato dei bravi bambini, ovvero dei bambini estremamente sensibili che sono accorsi in soccorso delle fragilità dei genitori. Sacrificandosi sull’altare dell’amore hanno smarrito se stessi.” Questo si chiama ATTACCAMENTO INVERTITO e poco ha a che fare con un bravo detto a un figlio.

    Mi piace

    1. Gentile Marialuisa, sono certa che non possa essere unicamente una parola ad innescare una dinamica simile. Ciò che volevo evidenziare è il processo nascosto dietro la comunicazione. Quello che scrivo è frutto di studi ma soprattutto dell’esperienza professionale vissuta in questi anni. Mi farebbe molto piacere confrontarmi privatamente con lei per un arricchimento reciproco, riguardo ciò che ha potuto osservare dalla sua esperienza lavorativa. Nella sezione contatti trova la mia mail. La ringrazio per il contributo e spero di sentirla presto.

      Mi piace

  10. “provate a dire “spero che tu trascorra una splendida giornata. Sii te stesso.
    Mi raccomando non confondete il riconoscimento e il bisogno di esser visti con la gratificazione dell’adulto”.
    Ma davvero si parla così ai bambini??? Non significa già trattarli da adulti?

    Mi piace

  11. Non sono proprio d’accordo con l’articolo. Anzi. L’unico modo per essere un bambino/adulto sicuro è avere un genitore dietro che ti fa sentire tale.
    Quando si ama e si dicono parole d’amore, non si sbaglia mai!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...